IDM: Innovazione di Moda

Navigation Menu

Gli acquisti di lusso online

Posted by on 17 Set 2013 in Bacheca | 0 comments

Google ha realizzato una ricerca in 9 paesi su quanto accade in rete per quanto riguarda gli acquisti di lusso. Per questa ricerca sono stati intervistati 400 individui tra i 25 e i 65 anni.

lusso abbigliamento accessori online

Da quanto emerge dalle analisi pare che l’Italia sia uno dei mercati cosiddetti “maturi”, così come altri colossi come Inghilterra, Francia, Germania e USA. In Italia acquistano in ugual misura uomini e donne, soprattutto quelli nella fascia d’età tra i 30 e i 50 anni che utilizzano il Web quotidianamente, magari da più di un device digitale. Mercati cosiddetti “nuovi” come Cina, Brasile e Russia sono più che altro caratterizzati da giovani fashion victim (ragazze) che si dedicano all’acquisto di accessori e abbigliamento di lusso. In Giappone, unica voce fuori dal coro, l’acquirente top è l’uomo benestante che acquista online abbigliamento e oggetti di lusso per una sorta di autogratificazione personale.

Si acquistano principalmente:

–       abbigliamento e accessori

–       orologi e gioielli

È importante notare che, solo in Italia, il 7% degli acquisti dei prodotti di lusso passa per l’online. Si tratta di una fetta in crescita che fa comprendere l’importanza del commercio elettronico nelle strategie di oggi e di domani dei brand della moda. Domani gli utenti proveranno in negozio e acquisteranno online?

Read More

Moda e innovazione: il giro virtuale del negozio di Gucci a Milano tramite funzionalità di Google

Posted by on 13 Set 2013 in Bacheca | 0 comments

Da poco Gucci ha aperto un flagship store nel noto quartiere Brera di Milano. E le novità non si sono fatte attendere. Grazie all’utilizzo di Indoor Street View e di Google Business Photos, viene data agli utenti la possibilità di compiere un giro virtuale all’interno del negozio.

Gucci è il primo brand italiano del lusso che da questa possibilità agli utenti, permettendo di visitare i tre piani di negozio comodamente dal divano di casa o in mobilità con i propri tablet e smartphone. Il tour permette di visitare il negozio a 360°, rendendo l’esperienza interattiva e innovativa.

Gucci Indoor View da Innovazione di moda

Non ci credete? Ecco le parole di Google in merito: “Quando i potenziali clienti cercano il nome della tua attività su Google, vedranno le immagini direttamente nella pagina dei risultati della ricerca. Queste immagini panoramiche saranno pubblicate anche sulle pagine Google+ Local, su Google Maps e su altre proprietà di Google e offriranno ai clienti un’idea più precisa della disposizione, dell’arredamento e della bellezza degli interni della tua attività“.

Vi è venuta la curiosità di visitare lo store di Gucci a Milano? Ecco il link diretto: Gucci Indoor View

Read More

E-commerce scelta vincente per il Made in Italy

Posted by on 3 Giu 2013 in Bacheca | 0 comments

Durante l’E-commerce day 2013 di Milano promosso da Netcomm sono state espresse delle previsioni molto positive per l’andamento dell’e-commerce. Le vendite online, anche tramite dispositivi mobile, hanno registrato negli ultimi anni e continuano a registrare incrementi notevoli, dando respiro ad un’economia in difficoltà.

L’invito, soprattutto per le eccellenze del made in Italy, è quello di dare una spinta alle vendite digitalizzando il business ed il commercio in particolare.

I dati parlano chiaro: tra aprile 2012 e aprile 2013 le vendite online hanno visto un aumento del 50% di utenti attivi online, con ancora ampi margini di miglioramento.

Quali sono i comparti più forti dell’e-commerce? vendite_online_innovazione di moda

Abbigliamento +27%

Informatica e tecnologia +24%

Alimentare +18%

Turismo +13%

Assicurazioni +12%

Editoria +4%

 

L’export per l’abbigliamento ha registrato un +31%. Forte il mobile che registra un +160% delle vendite tramite smartphone e tablet, stimando di aver raggiunto il valore di 427 milioni di euro.

Per l’Italia, in particolare, si prospetta un +17% nel 2013, per un fatturato che dovrebbe raggiungere gli 11,2 miliardi di euro.

Perché l’e-commerce e il commercio elettronico siano un vero volano di valore e crescita per l’Italia sono necessarie misure e normative ad hoc da parte delle istituzioni e una maggiore cultura del digitale per molte imprese. Roberto Liscia, presidente di Netcomm, durante l’evento ha fatto appello all’attuale Governo Letta perchè avvii delle normative che promuovano i pagamenti elettronici, rendendoli per esempio obbligatori verso le pubbliche amministrazioni.

Read More

Acquisti di moda online: l’identikit del compratore – anzi – della compratrice tipica

Posted by on 17 Mag 2013 in Bacheca | 0 comments

acquisti_moda_online_innovazione_modaAbbiamo già parlato del fatto che fare acquisti online sta diventando, anche in Italia, un comportamento che inizia a diffondersi. Compriamo prodotti di tecnologia, cene, viaggi, ma soprattutto articoli di moda.

Per quanto riguarda gli acquirenti dei prodotti di moda online, una ricerca di Contactlab, ha evidenziato che si tratta principalmente di compratrici. Infatti, pare che anche online, siano le donne ad essere le più accanite acquirenti.

L’identikit di una tipica fashion victim? Donna, under 35, del Sud Italia o delle isole principalmente. Tendenzialmente, chi spende nella vita reale per gli articoli di moda è più propenso a farlo anche online.

Quanto acquista una fashion victim online? Si parte da circa sei articoli di moda all’anno fino ad arrivare a chi dichiara di aver fatto più di 5 acquisti negli ultimi tre mesi. Più del 30% del campione ha ammesso di aver speso più di mille euro nell’ultimo anno.

Gli acquisti online sono incentivati dalla possibilità di acquistare usufruendo di sconti, dalla grande offerta di prodotti di marca (anche di lusso) a prezzi di outlet e anche dalla sempre più alta percezione della sicurezza per quanto riguarda i pagamenti online.

Non solo acquisti da computer per le giovani fashion acquirenti, ma, sempre più, a farla da padrone sono smartphone e tablet.

Un appello va, dunque, alle aziende della moda le quali, se ancora non l’avessero fatto, devono investire prima che sia troppo tardi nella vendita online. Tagliare i costi vendendo online permette di avere dei prezzi più competitivi da presentare alle acquirenti che, a loro volta, sono e saranno sempre di più maggiormente propense ad acquistare online.

L’innovazione della moda passa anche dall’e-commerce, oggi.

Read More

Dopo Shazam sta per arrivare l’app per la moda

Posted by on 10 Apr 2013 in Bacheca | 0 comments

fashion-app-innovazione-modaChi non conosce l’app Shazam? Quella che tutti coloro che possiedono uno smartphone utilizzano per individuare e riconoscere il titolo e l’autore di ogni canzone semplicemente ascoltandola. Una vera innovazione e un grande aiuto per scoprire il titolo delle nostre canzoni preferite anche se siamo in auto o in un locale.

Oggi Shazam ha più di 300 milioni di utenti.

Dopo la musica pare che il nuovo terreno di conquista per il team di Shazam sia un’app di riconoscimento per la moda. Secondo quanto riporta il quotodiano inglese The Guardian, pare che il team di Shazam stia lavorando proprio a una tecnologia che consenta di applicare anche al mondo della moda lo stesso procedimento per l’app di riconoscimento musicare più famosa al mondo.

Il meccanismo sarà molto elementare: scattando una foto ad un abito, anche indossato da un passante, si potrà individuarne il marchio.

Secondo le ultime dichiarazioni del Ceo del gruppo, Andrew Fisher, non esisterebbe una data certa per il lancio dell’app, ma si intuisce che non si dovrà attendere a lungo per questa innovazione di moda targata Shazam. Il team avrebbe già sviluppato una tecnologia simile per identificare gli abiti indossati dai presentatori televisivi.

Secondo gli esperti, questo genere di app musicali avrebbe stimolato il download delle canzoni da parte degli utenti, attraverso un interazione più stretta tra marchio e utente finale. Ora ci si chiede se anche questo genere di innovazione potrebbe avere lo stesso effetto sugli acquisti di moda da parte degli utenti. In seguito, poi, si potrà immaginare anche un’ulteriore crescita degli acquisti da mobile e della geolocalizzazione.

Rimaniamo in attesa di conoscere e testare con mano queste fashion innovazioni!

Read More