Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

morellato Morellato, il più importante gruppo italiano dell’orologeria e della gioielleria in Europa a capitale totalmente italiano, dopo anni di gestione interna ha deciso di ingaggiare un partner specializzato al fine di dare un’accelerazione allo sviluppo sul web dei propri marchi: a tal scopo ha scelto Triboo Digitale, l’e-commerce company integrata con facilities proprietarie (e già partner di marchi come Ferrari, Maserati e Benetton) a cui ha affidato la realizzazione e la gestione dei nuovi store online dei suoi principali brand.

A Triboo Digitale spetta il compito di gestire i siti dei brand del gruppo già esistenti e il lancio dei nuovi siti nelle aree geografiche non ancora esplorate: si mira a duplicare, nel giro di due anni, l’ammontare dei ricavi via Web. Da diversi anni Morellato è attivo nella vendita online con risultati soddisfacenti che comprendono anche lo sviluppo dell’attività in Europa attraverso la gestione interna, ma, secondo Massimo Carraro (presidente e amministratore delegato del gruppo) è più opportuno operare con una partnership di qualità, come è stato fatto in Cina. Attualmente l’e-commerce vale il 2% dei ricavi, che nel 2013 sono stati di 185 milioni di euro: si pensa che sia possibile raddoppiare tale cifra nel prossimo biennio, arrivando al 6-8%.

zalando-1 Nel frattempo Zalando , giunto al terzo anno di attività in Italia, lancia anche nel nostro mercato il Partner Program, con cui brand e retailer affiliati avranno la possibilità di commercializzare i propri prodotti attraverso gli shop dell’azienda tedesca (ad oggi il Partner Program è attivo in Germania, Austria, Belgio, Paesi Bassi e Francia). L’obiettivo è quello di offrire ai clienti una gamma di prodotto ancora più vasta all’interno delle categorie già esistenti ma anche aumentare la disponibilità degli articoli già presenti in catalogo, al fine di offrire ai clienti un’esperienza d’acquisto migliore.

Giuseppe Tamola, Country Manager di Zalando per l’Italia, promette di selezionare con cura i brand ed i prodotti poiché il programma deve fornire un valore aggiunto ai clienti e quindi gli standard di servizio e di prodotto dei partner devono essere analoghi a quelli di Zalando.

Tornando in ambito italiano, diversi brand del nostro Paese hanno già mostrato interesse per il Partner Program: tra i primi a beneficiare dell’occasione, Cinti, ma anche Silvian Heach figura nell’elenco dei partner, lieto di essere coinvolto nella collaborazione e convinto di poter trarre vantaggio dalla riconosciuta esperienza in ambito e-commerce di Zalando.

Leggi di più