IDM: Innovazione di Moda

Navigation Menu

Fashion Digital Meet: come creare contatti professionali sul web

Posted by on 4 Dic 2013 in Bacheca, Eventi, Events | 0 comments

Daniela Saccà, HR Rossimoda S.p.a., svela i segreti del colloquio vincente anche tramite il web.

DSC_0028Durante il Digital Meet del 24 ottobre, tenutosi nell’antica e prestigiosa Villa Foscarini nella riviera veneziana, si è affrontato il tema “Giovani e Lavoro. Tavola rotonda sui temi del fashion e del digital”.  All’evento hanno preso parte esperti del Web 2.0 e del marketing digitale, che hanno interagito e colloquiato con giovani delle scuole medie di moda e design del territorio. Rispondendo ad alcune domande e raccontando esperienze personali e professionali, gli ospiti hanno aiutato a comprendere come un giovane debba farsi strada nell’attuale panorama lavorativo.
A fine dibattito abbiamo incontrato Daniela Saccà, nota HR manager presso Rossimoda S.p.a., azienda leader di calzature di lusso. A seguito della sua esperienza lavorativa, ci spiega come durante un colloquio è importante mostrare le motivazioni che spingono il candidato a orientarsi in un determinato settore, essere informati sull’azienda, fare domande inerenti al ruolo che si andrà a ricoprire.
Dalle sue parole emerge un aspetto importante: la componente personale durante un colloquio completa e interagisce con le competenze tecniche richieste dall’azienda: l’uno compensa l’altro.
Ci soffermiamo anche sull’aspetto del web e di come le aziende si mettono in contatto con figure professionali che rispondono alle loro esigenze. La Saccà si dimostra favorevole a questo mezzo di comunicazione, citando Linkedin come social ottimale e professionale per creare una rete di contatti aziendali e dando la possibilità di ricercare, tramite parole chiavi, sia aziende che candidati.

(Il video integrale dell’intervista a Daniela Saccà è disponibile qui)

Un ringraziamento agli autori dell’intervista, studenti del corso di laurea magistrale in “Web marketing and digital communication”, afferente allo IUSVE di Venezia: Diletta Del Priore, Raffaele Malacasa, Sabrina Lupi, Marialuisa De Mise e Massimo Zaffalon

Read More

La riviera veneziana ospita la moda con il Digital Meet

Posted by on 29 Nov 2013 in Bacheca, Eventi, Events | 0 comments

DSC_0005La moda, il mondo del fashion e internet si sono ritrovate insieme lo scorso 24 Ottobre nella splendida cornice di Villa Franchetti Rossi a Strà (VE). La culla di questo importante evento è stato il Digital Meet, iniziativa che pone sullo stesso piano il reale (la moda) ed il digitale (internet) proponendo una serie di incontri, interviste e workshop. A Strà il Digital Meet ha proposto un incontro tra studenti di scuole di moda con alcuni importanti esponenti del mondo del fashion e di internet in maniera del tutto singolare, ispirandosi liberamente al modello americano del BOF “Birds of a feather” letteralmente “uccelli della stessa piuma”, filosofia di incontro ampiamente utilizzate in California dove più persone si raccolgono per parlare di un argomento di comune interesse. I relatori che si sono concessi alle domande aperte del pubblico sono stati: Sara Bellini (Sezione Moda Confindustria Padova), Giampaolo Chiello (consulente di strategie internet ed amministratore delegato “Share your passion-Italy”), Massimiliano Losego (CEO di Atman, agenzia digitale), Daniela Saccà (HR manager di Rossimoda S.p.A.-LVHM Fashion Division), Silvia Tebaldi (coordinatrice attività extracurricolari fashion I.I.S. Ruzza), Mauro Tescaro (Direttore del Politecnico Calzaturiero), Laura Valagussa (Direttore Lifestyle Business RTT-Italy & South EU). Il pubblico, da subito molto attivo e interessato, ha soddisfatto le proprie domande su argomenti di vario genere, spaziando da “Cosa dire e cosa non dire ad un colloquio di lavoro?” a “Come si integrano le nuove tecnologie nel mondo della moda?”. Il BOF del Digital Meet ha dato un importante visione di come il mondo della moda stia velocemente cambiando, soprattutto con l’integrazione del digitale: Laura Valagussa ha infatti illustrato quanto la grafica 3D venga sempre più applicata sia nella costruzione che nell’advertising del mondo del fashion, Sara Bellini e Giampaolo Chiello hanno spinto per convincere i giovani studenti presenti al BOF a credere in ciò che vogliono fare, puntando anche sui social network. L’incontro è stato un grande successo anche perché è stata l’occasione ideale per introdurre per la prima volta in Italia questa nuova forma di convegno interattivo, ma soprattutto per trasmettere ai giovani presenti in sala nuovi stimoli e per confrontarsi su tematiche attuali facendo riferimento alle esperienze di vita di tutti i relatori presenti.

sara belliniAbbiamo parlato di Sara Bellini, componente Sezione Moda Confindustria Padova: gli studenti del corso di laurea magistrale in “Web marketing and digital communication”, afferente allo IUSVE di Venezia l’hanno intervistata (il video è disponibile qui). A tal proposito, un ringraziamento per la collaborazione a: Lara Antoniazzi, Francesca Beni, Marco Gardellin, Luca Gasparoni, Sara Lazzaroni, Sarah Peserico, Luca Pregnolato, Costanza Rossi, Giorgio Zampieri.

Read More

Era digitale: ma i giovani possono davvero far qualcosa per il made in Italy?

Posted by on 25 Nov 2013 in Bacheca, Eventi, Events | 0 comments

1390542_10202296903051904_121462005_nLe possibili evoluzioni del mondo digitale nell’ambito della moda italiana e internazionale sono state oggetto di dibattito in occasione del Fashion Digital Meet, incontro tenutosi nella maestosa Villa Foscarini Rossi (situata nella riviera veneziana) giovedì 24 ottobre 2013.
Visto il pubblico molto giovane presente in sala (quasi a fare da contrasto alla sontuosa location) per l’evento si è preso spunto dalle interattive conferenze nordamericane BOF (Birds of a Feather), durante le quali gruppi di persone con interessi comuni si incontrano per dialogare e dibattere senza vincoli di scalette o tempi.
I sette relatori a disposizione di una platea di studenti e appassionati di moda e di web hanno rotto il ghiaccio presentandosi e prendendo spunto dalle domande del fantomatico “questionario di Proust,” che hanno spaziato dai tratti caratteriali ricercati in una donna, al film preferito, alla più grande disgrazia che possa accadere, al personaggio storico da ricordare.
Hanno fatto seguito subito dopo le prime domande del pubblico, mediato dal giornalista Paolo Piacenza, che ha sollevato la forte riluttanza delle aziende ad adottare i nuovi mezzi digitali nello svolgimento delle proprie attività commerciali. Se in parte ciò è imputabile a una ancora scarsa conoscenza delle potenzialità degli stessi, dall’altra possiamo forse biasimare la reticenza di un’intera generazione di artigiani e tecnici specializzati, che hanno dedicato una vita intera a imparare un mestiere, e che ora si sentono spaventati davanti alla possibilità di diventare improvvisamente parte del passato?
L’inserimento nelle aziende delle nuove leve, che oggigiorno si dice “nascano digitali”, dovrebbe favorire la graduale accettazione dei nuovi strumenti informatici soprattutto internamente alle aziende, dove spesso il fatto di possedere un metodo operativo consolidato nel tempo sembra essere considerato un fattore chiave di successo. In realtà il problema di molti giovani in età post-diploma o post-laurea sta nell’esiguità dell’esperienza lavorativa da vantare nel proprio curriculum vitae, uno dei grossi limiti del sistema educativo italiano, che spesso pregiudica l’assunzione degli stessi da parte delle aziende. Sara Bellini, componente Sezione Moda Confindustria Padova e membro del CDA dell’Università degli Studi di Padova, riconosce l’attuale scollamento della formazione universitaria dalle necessità aziendali, ma informa anche che questa problematica è una dei punti principali di revisione dei nuovi piani di studio.
D’altro canto, come fare ad insegnare qualcosa che subito dopo essere stato scritto è già da considerarsi “vecchio”? Giampaolo Chiello, esperto di media digitali e fondatore dell’innovativa startup “Share your passion”, ritiene che nei giovani d’oggi una capacità sia fondamentale, superiore anche al saper fare: il saper imparare. Solo infatti nutrendo una sana curiosità verso il mondo che ci circonda, in tutte le sue sfaccettature, potremo essere degli innovatori, e trovare soluzioni dove gli altri vedono solo un cumulo di problemi.
È proprio a questo spirito pieno d’iniziativa che fa riferimento Sara Bellini quando afferma che i nuovi social media possono certamente contribuire positivamente alla diffusione del Made in Italy della moda nel contesto globale, soprattutto attraverso i blog, dove al saper scrivere vanno aggiunte valide competenze tecniche.
Vale comunque la pena provarci, anche senza avere le idee già chiare, ma è fondamentale iniziare da subito a mettersi in gioco, perché è solo quando si vivono le esperienze che possono nascere le opportunità. Come giustamente esorta Giampaolo Chiello, “sbaglia presto, sbaglia tanto, ma sbaglia”.

Un ringraziamento agli studenti Sarah Peserico, Marco Gardellin, Costanza Rossi, Luca Pregnolato, Giorgio Zampieri studenti del corso di laurea magistrale in “Web marketing and digital communication”, afferente allo IUSVE di Venezia.

Read More

Interviste in arrivo: stay tuned…

Posted by on 18 Nov 2013 in Bacheca, Eventi, Events | 0 comments

DSC_0029Ricordate il fashion digital meet del 24 ottobre scorso?
Nei prossimi giorni pubblicheremo, qui sul blog di Innovazione di Moda, interviste esclusive effettuate dopo l’evento dagli studenti del corso di laurea magistrale in “Web marketing and digital communication”, afferente allo IUSVE di Venezia.

Read More

Fashion Digital Meet promosso a pieni voti

Posted by on 30 Ott 2013 in Bacheca, Eventi | 0 comments

Grande successo del Fashion Digital Meet, tenutosi il 24 ottobre scorso in Villa Foscarini Rossi, nella riviera veneziana. Forse gli splendidi affreschi hanno contribuito a costruire un’atmosfera così frizzante e coinvolgente?
L’evento è stato l’occasione per introdurre in Italia il Bof, un particolare convegno interattivo molto diffuso negli USA, a cui hanno partecipato nomi di spicco del mondo dell’industria della moda e del digitale.
DSC_0016Sara Bellini, Mauro Tescaro, Laura Valagussa, Daniela Saccà, Giampaolo Chiello, Massimiliano Losego e Silvia Tebaldi si sono messi a disposizione dei quasi duecento studenti di scuole di design presenti nella sala, reagendo con positività a tutti gli stimoli offerti e trasmettendo con passione le loro esperienze di vita. A rompere il ghiaccio ci ha pensato Paolo Piacenza, moderatore dell’evento, che ha innanzitutto proposto ai relatori alcune curiose domande tratte dal celebre questionario di Proust (“Il tuo peggior difetto?”, “Il tuo motto?” E così via).
Poi è cominciata la vera e propria tavola rotonda: i ragazzi hanno deciso che era giunto il momento di mettere da parte la timidezza ed iniziare a fare domande riguardanti temi delicati quali l’occupazione giovanile nel settore fashion e le opportunità ad esso offerte dal mondo del digitale. Molti quesiti sono giunti anche dai social network, e chi non poteva assistere fisicamente si è collegato attraverso il live streaming predisposto appositamente (il video integrale è visibile qui).
1381722_10202296898571792_489331451_nQuali le professioni più richieste dalle imprese di moda? Come coniugare competenza ed esperienza? Come affrontare un colloquio? Perché il mondo del lavoro non assorbe gli studenti? Come si integrano le nuove tecnologie nel mondo della moda? Fino a che punto si può spingere la virtualizzazione dei modelli? Quali sono limiti ed opportunità dell’e-commerce nella moda? Sono solo alcuni degli spunti giunti dai partecipanti: tutte le tematiche sono state postate in diretta nella pagina Facebook “IDM Innovazione di Moda”, in modo da poter proseguire il dibattito nei social (oltre che sul blog innovazionemoda.org) anche nei giorni successivi all’evento.
In effetti, il tempo tiranno non ha permesso di andare oltre e sfruttare appieno il clima positivo e stimolante creatosi in sala. Ciò nonostante, al termine del dibattito, alcuni studenti dello IUSVE di Venezia si sono avvicinati ai relatori per intervistarli ulteriormente: tutti si sono dimostrati particolarmente entusiasti della modalità interattiva di svolgimento dell’evento, esprimendo il desiderio di ripetere l’esperienza il più presto possibile.
Ci sarà un altro Fashion Digital Meet in futuro? Questo non si può ancora sapere, ma il buon esito di questa prima edizione e la soddisfazione dei presenti (e non) lasciano almeno sperare che l’evento possa ripetersi anche l’anno prossimo.

Read More