IDM: Innovazione di Moda

Navigation Menu

Progetto FINESTRE SUL MONDO DEL LAVORO: ISTRUZIONE SUPERIORE AD INDIRIZZO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE – SISTEMA MODA

Posted by on 27 Nov 2014 in Eventi | 0 comments

Progetto finanziato dalla Regione del Veneto

SCUOLA APERTA

“LA SCUOLA INCONTRA L’IMPRESA”

Nell’ambito del progetto FSE “L’ISTITUTO TECNICO COME PRIMA IMPRESA” viene organizzata il giorno 29 novembre 2014 dalle ore 9.15 presso l’ISS RUZZA di Padova una giornata di Scuola Aperta dove i protagonisti saranno Imprenditori e Tecnici del Comparto Moda e Calzatura.

La tavola rotonda farà un focus sui nuovi scenari del settore Moda, ma soprattutto, su quelle che sono le competenze e le figure professionali richieste.

Programma:

9.15 – 9.30 Saluti di Benvenuto

Anna Maria Addante – Dirigente Scolastico

                 Enrico Bressan – Fondazione Centro Produttività Veneto

                   Saluti Istituzionali

9.30 – 10.45 Tavola rotonda con interventi di:

Mauro Tescaro – Direttore Politecnico Calzaturiero

Simonetta Gobbo – Antia (Ass. Naz. Tecnici Abbigliamento)

Andrea Rambaldi – FashionArt Srl e Presidente Sez. Tessile e Moda Confindustria Padova

Paolo Xoccato – Xacus Srl

Monica Montanaro – Gefin Srl

Paolo Targhetta – Pespow Confezioni Spa

Rosy Garbo – Atelier Rosy Garbo Snc

Alex Lando – Studio Lando e Badon

Roberta Zago – Ra_Officina Creativa

10.45 – 11.15  Interventi da parte della platea con domande rivolte direttamente agli Esperti

11.15 – 11.45  Presentazione dell’offerta formativa da parte dei referenti

Chiara Bau’ – Moda Professionale

Flavia Fascina – Moda Tecnico

Roberto Gigliotti – ITS Cosmo

11.45 – 12.30  Gli Imprenditori resteranno a disposizione in Aula Magna per ulteriori domande.

Le famiglie interessate al percorso di studi potranno seguire i docenti a disposizione e visitare le sedi del Ruzza di Via Sanmicheli (sede del percorso Moda Professionale) o di Via Leopardi (ex Natta sede del percorso Moda Tecnico).

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE “E. USUELLI RUZZA”

VIA SANMICHELI, 8 – 35123 PADOVA

Read More

Pittarosso apre in Francia ma è pronto a vendere

Posted by on 27 Ago 2014 in Bacheca | 0 comments

pittarosso IDMPittarosso ha lanciato la sua campagna in Francia, inaugurando proprio oggi il suo primo punto vendita in territorio francese nel centro commerciale Portet di Tolosa: si tratta 850 mq dedicati ad ospitare 3000 referenze. Sono previste altre tre aperture (Bay 2 di Marne-la-Vallée, Dock 76 di Rouen e Mériadeck di Bordeaux), per un investimento complessivo di 15 milioni di euro, favorito dall’accordo con Klépierre e Unibail Rodamco, due colossi in ambito di gestione e progettazione di centri commerciali.

Nonostante l’espansione all’estero, però, circolano voci riguardanti una possibile vendita del gruppo Pittarosso. A tre anni dall’acquisizione, il fondo di private equity di Alessandro Benetton  sarebbe infatti pronto a cedere Pittarosso (in mano a Benetton con una percentuale del 76%): le indiscrezioni, apparse su “Il Corriere della Sera”, sostengono che l’advisor Rothschild sarebbe stato incaricato per trovare un compratore. Diversi interessati si sarebbero già fatti avanti, anzi sembra proprio che ci saranno praticamente tutti i private equity (come Clessidra, Permira, Change Capital, ma non è escluso qualche industriale straniero) pronti a mettere le mani sull’azienda padovana. Anche due colossi del settore calzaturiero come Bata e Deichmann rappresentano al momento due possibili acquirenti.

Non resta che attendere una valutazione del gruppo veneto, prevista per una cifra che si aggira almeno sui 250 milioni di euro, merito in primis dell’ultimo esercizio di vendita più che positivo (196 milioni di euro e 21 di margine lordo, in netta crescita se pensiamo ai 116 milioni di fatturato del 2011). Il giro d’affari complessivo previsto per il 2014 è pari a 250 milioni di euro. Di certo anche il cambio del marchio (trasformato da “Pittarello” a “Pittarosso”) ha avuto un’influenza positiva sullo stato di salute del brand: è proprio grazie all’ottima condizione attuale di Pittarosso che il prezzo di vendita potrebbe essere fissato a 10 volte l’Ebitda (previsto sui 30 milioni alla fine dell’esercizio in corso).

Read More

Politecnico Calzaturiero: le scarpe diventano social

Posted by on 12 Giu 2014 in Bacheca, Eventi | 0 comments

calzature_logoQuest’anno il Politecnico Calzaturiero di Stra ha deciso di introdurre una novità al fine di dare l’opportunità ai suoi studenti di acquisire maggiore visibilità al termine del loro percorso formativo: per far ciò si è deciso di utilizzare il Web e più in particolare Facebook, il Social Network attualmente più diffuso.

Venerdì 20 giugno 2014 si svolgerà presso l’istituto l’evento di chiusura dell’anno scolastico, in occasione del quale la giuria tecnica premierà i lavori migliori. La cerimonia di premiazione di quest’anno, però, prevede anche una novità: gli allievi in procinto di concludere il secondo anno del Politecnico Calzaturiero, infatti, potranno avere anche un riscontro esterno alla giuria riguardo ai progetti di calzature realizzati. A tal fine nella pagina Facebook del Politecnico sono stati pubblicati, in un apposito album, le immagini dei lavori degli studenti che hanno concesso il permesso alla circolazione del materiale (in effetti la condivisione dei progetti su Facebook non era obbligatoria ma a libera discrezione degli studenti).

Il numero massimo di progetti ammessi alla pubblicazione è di tre per ogni studente, ciascuno dei quali rappresentato una un’unica immagine: in questo modo saranno visibili a tutti i lavori ritenuti più validi  da chi li ha creati.

Read More

Cina terzo Paese nell’export delle calzature italiane nel 2014. Ma lo sciopero per il welfare blocca la produzione per i brand occidentali.

Posted by on 28 Apr 2014 in Bacheca | 0 comments

Cina_scioperoGià da quest’anno la Cina potrebbe salire sul podio delle esportazioni di calzature italiane, passando dall’attuale settimo posto al terzo, alle spalle di Francia e Germania. E pensare che solo tre anni fa il Paese si fermava alla ventesima posizione: da un po’ di tempo si nota, invece, un’inversione di tendenza che vede aumentare l’export italiano di calzature verso la Cina del +26,6% nel 2013 e diminuire, al contrario, l’import del -3,1%.

Osservando gli altri settori, l’abbigliamento registra un +19,1% nell’export ed un -11,2% nell’import, il cuoio e la pelletteria un +15,5% nelle esportazioni ed un -12,1% nelle importazioni: secondo Istat, dunque, il divario tra i flussi è diminuito in tutti i settori, dagli articoli in pelle e cuoio a quelli riguardanti l’abbigliamento e le calzature in generale.

I motivi del trend positivo delle scarpe italiane in Cina sono diversi, a partire dalla crescita del fenomeno dei multi-brand per il quale vengono ottimizzate le PMI (anche se a dire il vero un aiuto ai marchi meno conosciuti proviene dalla legislazione in merito alla lotta alla corruzione, che spinge a preferire ai brand internazionali quelli meno riconoscibili seppure di qualità. A ciò va aggiunta la diffusione dell’e-commerce in Cina, che ha contribuito alla crescita del settore calzaturiero. Non è strano, allora, se è proprio la Cina il Paese in cui le scarpe sono messe in vendita al prezzo medio più elevato rispetto al resto del mondo, ossia attorno ai 100 euro.

Non possiamo, però, non parlare dei problemi che la Cina sta avendo negli ultimi giorni a livello di export: 60.000 operai della Yue Yuen (colosso che produce scarpe per Nike, Crocs, Adidas, Reebok, Asics, New Balance, Puma, Timberland) stanno paralizzando il settore calzaturiero dal 14 aprile, scioperando contro le condizioni di lavoro precarie e preoccupando così le grandi aziende clienti, preoccupate del fatto di non riuscire a sopperire alle richieste dei compratori finali. Oltre a delle migliori condizioni di lavoro, le richieste riguardano anche migliori assicurazioni sociali: l’azienda di calzature non avrebbe pagato sicurezza sociale e contributi, dunque, oltre agli arretrati, i lavoratori chiedono un aumento del salario ed una maggiore sicurezza sul lavoro. Dopo numerosi scontri con le forze dell’ordine che hanno portato anche a degli arresti, sembrerebbe che l’azienda abbia acconsentito a concedere alcune delle rivendicazioni degli operai, i quali sarebbero tornati in gran parte al lavoro.

Read More

L’IIS Ruzza di Padova apre le iscrizioni per il corso tecnico superiore di calzatura, moda e oreficeria

Posted by on 24 Apr 2014 in Bacheca | 0 comments

immagine_cosmo

Sono aperte le iscrizioni per i nuovi corsi tecnici post diploma organizzati presso l’IIS “E. Usuelli Ruzza” di Padova: possono accedere tutti i diplomati delle scuole secondarie di secondo grado, dopo aver superato un preventivo test di selezione che mira a verificare il possesso delle conoscenze basiche per affrontare adeguatamente lo studio delle materie di insegnamento.

L’ITS COSMO è un corso biennale organizzato in quattro semestri per un totale di 2000 ore di insegnamento sotto forma di lezioni teoriche, pratiche e laboratoriali, ma anche stage e tirocini formativi (che rappresentano almeno il 30% delle ore complessive). E’ previsto l’obbligo di frequenza per almeno il 70% delle lezioni, e, ai fini del rilascio del diploma, il percorso formativo si conclude con delle prove di verifica consistenti in una prova teorica/pratica concernente la soluzione di un problema tecnico nel settore di specializzazione ed una discussione del project work sviluppato nel corso del tirocinio.

Il corso mette a disposizione docenti altamente qualificati provenienti per il 70% dal mondo del lavoro con specifica esperienza professionale e per il 30% dal mondo dell’istruzione, in modo da garantire una formazione completa. Ricordiamo infatti che gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) forniscono un’offerta formativa (specializzata su un particolare settore merceologico) con un’alta percentuale di formazione in azienda e un’attività didattica improntata a lavori di progetto, simulazione di casi, laboratorio in modo da preparare gli studenti alla figura di “supertecnici”.

Le figure professionali uscenti dal corso tecnico superiore di calzatura, moda e oreficeria dell’IIS “E. Usuelli Ruzza” di Padova sono quelle di:

– tecnico superiore per il coordinamento dei processi di progettazione, comunicazione e marketing del prodotto moda;

– tecnico superiore della lavorazione orafa;

– tecnico superiore di processo, prodotto, comunicazione e marketing per il settore calzatura.

Per richiedere l’iscrizione è necessario compilare ed inviare il modulo disponibile online sul sito www.itscosmo.it.

Se desiderate avere ulteriori informazioni, non esitate a contattare l’indirizzo e-mail info@itscosmo.it oppure il numero telefonico 049 65 72 87 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00; lunedì, mercoledì e venerdì anche dalle 15.00 alle 18.00).

Read More