Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

Made in Italy su GoogleSecondo una ricerca effettuata dal colosso Google, realizzata su dieci Paesi (Usa, Germania, Inghilterra, Francia, Brasile, Russia, Emirati Arabi, Giappone, Cina e India), nei primi sei mesi del 2012 le ricerche relative al Made in Italy hanno riscontrato un aumento del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Questi studi sono stati presentati al convegno Between Italia+smart, svoltosi a Capri, evento di presentazione di progetti ed idee per costruire un’Italia “più smart”.

Tra i prodotti più ricercati, secondo lo studio di Google, risultano l’auto e il settore della moda, con il 34%, seguiti da turismo, alimentare e arredamento. La moda, in particolare, rimane la categoria più ricercata in Europa e in Giappone.

Le osservazioni derivanti dallo studio in questione, fanno emergere la grande importanza che può e deve dare Internet alle imprese del nostro Paese. «L’Italia può ambire a giocare un ruolo da protagonista in vari settori dell’economia quali il turismo, la moda, l’arredamento, l’alimentare e altri ancora – ha spiegato Carlo d’Asaro Biondo, presidente South East Europe, Middle East and Africa di Google – Internet può essere il mezzo per intercettare e valorizzare questo potenziale, contribuendo a rilanciare un nuovo modello economico per l’intero Sistema Paese, basato sul rafforzamento su scala globale di queste eccellenze nazionali».

Secondo i dati di Boston Consulting, nel 2015 Internet darà al nostro Paese un contributo che oscillerà tra il 3,3% e il 4,3% del Pil e che la cosiddetta Internet economy crescerà annualmente tra il 13% e il 18% entro il 2015, raggiungendo un valore di 59 miliardi di euro. Un trend sicuramente da cavalcare per le Pmi italiane, eccellenze del Made in Italy.

(www.corrierecomunicazioni.it)