Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

salone-del-mobile-2013-innovazione-modaIl Salone del Mobile 2013 è stata un’edizione da record. Quella che si è appena conclusa a Milano, la 52esima edizione del Salone del Mobile, è stata senza dubbio una manifestazione che ha superato tutte le attese, tant’è che il presidente di Cosmit, Claudio Luti, l’ha descritto come un “successo oltre a ogni aspettativa”.

Sono i numeri stessi a raccontarlo: 324.000 visitatori da 160 paesi, giunti a Milano per visitare 2500 espositori e 700 giovani designer presenti al Salone Satellite. Quasi il 70% sono visitatori stranieri, in particolar modo provenienti da Asia, Stati Uniti, Sud America e Africa.

Presenze importanti anche agli eventi collaterali del Salone del mobile, cioè quelli che compongono la manifestazione del Fuori salone nelle vie del centro di Milano, importante e attesa tanto quanto (se non di più) il salone a Rho.

fuori-salone-Zona-tortona-innovazione-di-modaTutta la città di Milano è stata coinvolta in una serie di eventi esclusivi o aperti al pubblico, in lussuosi hotel o per le vie della città, dai quali si respirava aria di innovazione e design. Basta un dato per comprendere quanto Milano è stata assorbita e coinvolta dagli stessi eventi: nella settimana dal 07 al 14 aprile anche i musei di Milano hanno riscontrato un picco di presenze, con 84mila visitatori contro i 26mila della settimana precedente. Il più visitato è stato il Museo del Novecento, che ha più che quintuplicato gli ingressi rispetto al solito.

I consumi interni italiani non aiutano sicuramente questo settore, ma si è compreso in questa settimana che le aziende che riescono a progredire sono quelle che riescono ad aumentare le esportazioni e a guardare con sempre maggiore interesse ai mercati esteri. “Per rilanciare il mercato italiano servono dalla politica provvedimenti efficaci” ha asserito il presidente di Federlegno, Roberto Snaidero.

La prova della scorsa settimana al Salone del mobile 2013 di Milano è stata comunque un’evidenza del fatto che l’Italia è ancora un punto di riferimento mondiale per quanto riguarda l’innovazione e il design, un punto che ha bisogno di essere incentivato e promosso dalle istituzioni e dalle stesse aziende, che devono puntare sulle opportunità di fare rete e sulla forza che possono esprimere insieme.