Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

Ripartiamo con una buona notizia per la moda made in Italy. Il Giappone riscopre i prodotti d’alto di gamma del fashion made in Italy.

L’ufficio Ice di Tokyo – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane – ha da poco reso noto i dati che riguardano l’import dei prodotti di moda nei primi sei mesi del 2013. Pare che quest’anno, l’import di prodotti di moda italiani in Giappone sia aumentato del 30%, con un importante boom dei tessuti in particolare. I prodotti made in Italy si posizionano dopo paesi come Cina e Vietnam ed in particolare sono il primo partner commerciale dei prodotti d’alto di gamma.

Fashion made in Italy in Giappone nei primi sei mesi del 2013

Le importazioni di prodotti di abbigliamento italiano sono decisamente in aumento rispetto allo stesso periodo del 2012. In particolare, l’aumento è del 25,9% e vale 37 miliardi di yen, cioè 286 milioni di euro.

La crescita dei consumi del paese nipponico sembra proprio essere la conseguenza delle manovre macroeconomiche che il Primo Ministro Shinzō Abe, dette anche Abenomics, per riavviare l’economia nipponica. Lo yen è immediatamente diventato più forte e i frutti si possono vedere da questi numeri.

L’Italia della moda ne ha approfittato e, come si può vedere, è stata in prima linea nella vendita di prodotti di moda in Giappone, facendo apprezzare l’eccellenza del made in Italy, ancora forte nel mondo.