Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

Pitti-Immagine-uomo-fiere-fashion-su-innovazione-moda

Pitti Immagine Uomo

Sono state davvero tante le polemiche di inizio anno sulle date delle fiere del fashion. Ora, il Consiglio di amministrazione di Pitti Immagine ha preso una decisione unanime sulle date dei prossimi appuntamenti.

La scorsa edizione si è svolta dall’8 all’11 gennaio. Nonostante fosse stato previsto un futuro slittamento di una settimana, anche per il triennio 2015-2017 la data di inizio è stata fissata attorno all’8 gennaio, in particolare la prossima edizione si svolgerà dal 7 al 10 gennaio 2014, ancora in contrapposizione con la kermesse London Collections: Men, settimana della moda maschile londinese, prevista dal 6 al 9 gennaio. E troppo a ridosso con le festività natalizie.

Il Presidente di Pitti Immagine, Gaetano Marzotto, ha affermato «Il calendario internazionale della moda maschile è entrato in una fase di grandi cambiamenti dovuti non solo all’ingresso di nuovi soggetti ma anche all’inceppamento dei meccanismi che hanno regolato per decenni l’avvicendamento delle date. Già nel 2014, come è sempre successo periodicamente, avremmo dovuto avanzare tutti (Firenze, Milano, Parigi) di una settimana, per far sì che Pitti Uomo non aprisse il giorno dopo l’Epifania e quindi molto a ridosso delle festività natalizie, con i prevedibili disagi per le aziende, gli allestitori, gli stessi compratori. Questo purtroppo, come tutti sanno, non si è verificato e nel 2014 apriremo proprio il 7 gennaio: ci stiamo attrezzando per farlo al meglio ma nel frattempo abbiamo preso atto che un nuovo paradigma stia subentrando a quello precedente. Per il triennio successivo quindi abbiamo dovuto prendere una decisione che mettesse le edizioni invernali della nostra manifestazione in una posizione di maggiore tranquillità, nell’interesse dell’insieme degli operatori che partecipano alla manifestazione. Per quanto riguarda l’estate, manterremo le date nell’arco della seconda decade di giugno».

Speriamo nel fatto che le problematiche e le contrapposizioni tra le manifestazioni in programma non mettano in ombra le kermesse italiane, fiore all’occhiello di un comparto che vede ancora nell’Italia il suo fiore all’occhiello: la moda made in Italy, riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo.