Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

Padova, ieri, ha fatto da prestigiosa cornice all’Assemblea Annuale di Acrib, l’Associazione Calzaturifici della Riviera del Brenta. A due passi dal rinomato distretto calzaturiero della Riviera, l’evento, introdotto dal Presidente di Acrib Siro Badon, ha richiamato importanti manager del settore e rappresentanti delle istituzionali nazionali come Valeria Fedeli (Vice Presidente del Senato), Maria Luisa Coppola (Assessore della Regione Veneto), Cleto Sagripanti (Presidente di Assocalzaturifici), Roberto Zuccato (Presidente di Confindustria Veneto), Massimo Pavin e Matteo Zoppas (rispettivamente Presidente di Confindustria Padova e Venezia).

Nell’aria si respirava un profondo malumore per l’andamento del contesto economico e per il poco, o nullo, supporto ricevuto dalle istituzioni che dovrebbero ergersi a garanti delle imprese del nostro Paese. Tuttavia, non è mancata tra i partecipanti anche una profonda consapevolezza delle competenze e qualità che rendono importanti e riconosciuti nel mondo i prodotti italiani, nonché l’orgoglio per il made in Italy locale e nazionale, vessillo dell’eccellenza nostrana a livello internazionale.

Durante la tavola rotonda, che ha trattato i temi più attuali dell’andamento dell’economia e della crisi che colpisce il nostro Paese, il manager e Presidente di Confindustria Venezia, Matteo Zoppas, ha condotto un lucido e concreto intervento riguardo la possibile ricetta per la lotta agli sprechi del nostro Paese.

matteo_zoppas_innovazione_moda

Matteo Zoppas, Presidente Confindustria Venezia

Matteo Zoppas, che ha conseguito il Master Cuoa in Lean Management e il Master Cuoa MBA, ben conosce la metodologia della Lean Manufacturing, o della cosiddetta “produzione snella”, pratica consolidata nelle grandi realtà. È stato dimostrato che l’applicazione della metodologia Lean nelle aziende porta nel breve periodo un effettivo risparmio sui costi del 10-20%. Dimostrato questo, l’appello alle istituzioni di Matteo Zoppas è quello di invitare le Pubbliche Amministrazioni e il governo italiano ad applicare questa metodologia ai principi e ai processi della spending review e alla generale amministrazione italiana, in modo da ottenere una tempestiva lotta agli sprechi e un effettivo risparmio immediato.

Questa la chiara ricetta di Zoppas indirizzata ai governanti, e perché no, anche alle aziende del comparto moda per portare un’effettiva innovazione nel settore. Auspichiamo che i principi della produzione snella, infatti, possano essere recepiti anche dalle aziende del settore, le quali potrebbero ottenere un beneficio e un risparmio nel breve e lungo periodo dall’inglobare all’interno del proprio know how e modus operandi la metodologia snella la quale elimina gli sprechi all’interno di tutta la filiera produttiva e organizzativa e permette di massimizzare gli investimenti e le risorse.