Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

Fashion ValleyQuando l’innovazione incontra il fashion possono emergere esperimenti creativi e fortemente innovativi. È il caso della piattaforma Fashion Valley, progetto che verrà presentato alla fiera parigina dei tessuti Première Vision, che si svolge dal 19 al 21 settembre.
La piattaforma (www.fashion-valley.it), che sarà attiva fra qualche settimana, è stata realizzata dal Mobile Experience Laboratory del Mit di Boston, su commissione della Camera di Commercio di Prato. La Fashion Valley permetterà  alle aziende locali, ma punta fin da subito ad aprirsi anche ad altre realtà, di mettersi in vetrina entrando in contatto con altri professionisti del settore e stringendo importanti partnership e alleanze.
Imitando esperienze eclatanti come quella di Facebook, la piattaforma permetterà l’iscrizione e la consultazione del social network in maniera gratuita e priva di filtri. Stilisti, giovani talenti, designer, produttori e catene distributive potranno così cercare online le risposte alle proprie esigenze produttive, relazionandosi in pochi click con potenziali partner locali.
L’idea che sta alla base di questo progetto è quella di utilizzare le nuove tecnologie per fare network e dare visibilità ai tradizionali saperi dei distretti locali. Dal tessuto al capo finito, unendo realtà diverse presenti nel territorio ed esperienze specializzate nelle varie fasi di produzione: questa strategia permetterà di ottimizzare i tempi, garantire una grande qualità a dei prodotti interamente Made in Italy, promuovere l’eccellenza locale, stimolare rapporti commerciali duraturi e fare rete per uscire dalla crisi finanziaria.
Importanti sinergie creative e professionali vedranno la luce tramite l’avvio di questa piattaforma. Una vera e propria catena produttiva presente online attraverso la propria professionalità e le proprie competenze. «Il social network – afferma Giovanni Moschini, vicedirettore di Confindustria Prato – è uno strumento dinamico che orienterà le aziende verso i clienti finali, permettendo anche di adattare la produzione alle esigenze del mercato».
Costruita la piattaforma, con il contributo di Toscana Promozione, ora al suo funzionamento collaboreranno anche l’Unione Industriale Pratese, Cna e Confartigianato.

(prato.paesesera.it)