Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti


È ormai innegabile che Facebook stia diventando sempre più centrale nelle strategie online dei brand della moda e lusso. Non a caso, infatti, le aziende stanno reclutando milioni di utenti sulle proprie fan page. Possiamo quindi considerare Facebook come il nuovo campo di battaglia in cui le diverse realtà si confrontano a colpi di milioni di fans? Pambianco ha deciso di stilare la graduatoria dei 50 brand internazionali di moda e lusso con il maggior numero di iscritti su Facebook. Cosa ne emerge? Converse All Star, che guida la classifica, vanta quasi 21 milioni di fans. A seguire un altro brand americano, Victoria’s Secret, con 15 milioni e mezzo di aficionados e in terza posizione il primo europeo, Adidas Originals con oltre 11 milioni. E gli italiani? Il primo a spiccare è Gucci in 13° posizione, con i suoi 5 milioni e mezzo di addicted, seguito da Dolce & Gabbana, in 19° posizione, cliccato da oltre 3 milioni e 300mila fans, e da Armani in 28° posizione. A seguire: Diesel, Benetton e Versace. A livello di nazionalità la parte del leone è ovviamente giocata dai brand americani che con 22 marchi rappresentano più del 40% del campione; l’Italia, con 6 brand in classifica, è a pari merito con la Francia. Ma come hanno fatto queste aziende a raggiungere un così elevato numero di adesioni alla propria pagina istituzionale? Cominciamo col dire che, secondo una ricerca Cuoa, più di 8 persone su 10 che navigano su Facebook sono fan di almeno un’azienda, organizzazione o personaggio pubblico, anzi il favore è accordato per lo più ad aziende (68%). Il passaparola è la prima ragione di diffusione di una fan page (75%), ed esplorando i motivi che spingono gli utenti a iscriversi, troviamo al primo posto interessi personali e hobby (73%). Non mancano i fans che smettono di seguire una pagina e le prime tre ragioni sono: il numero eccessivo di messaggi (65%), messaggi troppo/solo pubblicitari (50%), lo stesso messaggio ripetuto troppe volte (41%). Inoltre, in base agli ultimi dati del think tank americano sulla digital innovation L2, le pagine aziendali su Facebook nell’ultimo anno sono cresciute con una media del 256%, con 2.271 nuovi fans al giorno. Dando per assodato che la moltiplicazione dei fans si ottiene principalmente attraverso un meccanismo di viralità, è chiaro che i contenuti sono il capitale su cui l’azienda deve investire, affinché siano interessanti, e quindi virali. Come attrarre iscritti? Spesso si utilizzano le tattiche “teaser”: alcune pagine aziendali propongono una versione “grigia” dove i contenuti si intravedono, ma solo cliccando su “mi piace” diventano accessibili; è un modo per creare desiderio, una sorta di preview. Importanti anche i contenuti esclusivi da commentare e condividere in tempo reale. Facebook, insomma, si sta dimostrando un importante mezzo in grado di legare sempre più il consumatore all’azienda e viceversa.