Pubblicato di in Bacheca | 0 commenti

Ad oggi l’e-commerce inizia ad essere una realtà consolidata, soprattutto nel settore della moda. Molti brand vendono attraverso i propri siti web le proprie collezioni, oppure si appoggiano a store multibrand come il famoso Yoox.com. I dati che riguardano i comportamenti degli utenti per quanto riguarda lo shopping online sono incoraggianti. Nell’ultimo trimestre gli e-commerce hanno registrato più di 12 milioni di acquirenti; gli acquisti di moda hanno inciso per l’11% (dati Netcomm e Human Highway).

Innovazione moda | Store Ralph LaurenLe reazioni dei brand a questi mutamenti del panorama sono differenti. Ralph Lauren, per esempio, ha puntato molto sull’e-commerce, rendendo lo store online disponibile anche in Italia, Spagna, Irlanda, Grecia e Portogallo. L’e-commerce e la strategia web hanno un peso sempre crescente per il gruppo statunitense, il quale ha reso disponibile online non solo tutte le collezioni uomo, donna e bambino, ma anche accessori, prodotti di arredo, la rivista RL Magazine, una Style Guide e una web-tv. Il gruppo ha riscontrato il forte peso ricoperto dall’online nel 2011, quando le vendite sono aumentate del 23% nonostante il momento di crisi generale.

Altra strategia invece per un player molto diverso, Chanel. Il brand di lusso ha detto no all’e-commerce, scegliendo anche questa volta la strada della differenziazione e dell’esclusività. Il Direttore moda Bruno Pavlovsky ha affermato in una recente intervista: “Uno dei nostri punti di forza sono gli aggiustamenti sul corpo, necessariamente fatti dai sarti nei camerini. Il nostro obiettivo, per il quale utilizziamo anche il web, è far sì che sempre più consumatori vengano nelle boutique per vedere i prodotti, toccarli e soprattutto provarli”. Nemmeno le borse della griffe di lusso vengono vendute online: “Preferiamo vendere le nostre borse nelle boutique, vogliamo esporre i clienti al marchio”, ha affermato Pavlovsky. Online è possibile reperire soltanto cosmetici e fragranze Chanel.

Il Direttore moda del brand ha anche svelato la presenza di un ambizioso progetto all’interno della griffe francese, che vedrà la luce entro i prossimi cinque anni. Un progetto definito solamente come “e-service”, che approderà sul sito Chanel.com, in contrapposizione al basso livello di servizio attuale presente negli store online.

Strategie diverse per brand diversi, quindi, ma un’unica linea comune: la moda vive sempre più online.